Data di pubblicazione : 17 Mag 2024

Futuro della trasformazione digitale: le principali tendenze e sfide del 2024

AUTORE: Andrea Patrucchi

Il 2024 è ormai al giro di boa e ci troviamo a riflettere su ciò che ci aspetta nel campo della trasformazione digitale per i prossimi sei mesi e per il 2025.

 

Il 2023 è stato senza dubbio l’anno dell’intelligenza artificiale, in particolare l’emergere dell’IA generativa guidata da programmi come ChatGPT.

Tuttavia, numerosi altri cambiamenti hanno segnato l’anno passato e il 2024 ha dimostrato di seguire lo stesso percorso con ancora più spinta.

Mentre alcuni cambiamenti attirano maggiormente l’attenzione, la realtà è che diversi fattori influenzeranno profondamente le principali tendenze della trasformazione digitale nel prossimo futuro.

Ecco una previsione dei sei sviluppi che avranno un impatto significativo.

 

Sviluppo Agile dei prodotti: hardware e software sempre più Integrati

L’adozione dello sviluppo Agile dei prodotti non è mai stata così cruciale, da anni ne sentiamo parlare tanto da non essere più una novità.

Molte organizzazioni affermano di essere Agile, ma poche lo sono realmente.

Il concetto di Agile si basa su cicli di sviluppo continui e iterativi, promuovendo una comunicazione quotidiana, feedback continui e un lavoro interdipartimentale rapido verso un obiettivo misurabile concordato.

le aziende che adottano in modo efficace la metodologia di sviluppo Agile ottengono i seguenti benefici:

  • Tassi di lavoro più ripetibili: Le attività e i processi diventano più prevedibili e standardizzati, rendendo il lavoro più consistente e ripetibile nel tempo.
  • Livelli di rischio ridotti: Grazie ai cicli di sviluppo iterativi e al feedback continuo, le aziende possono identificare e risolvere i problemi più rapidamente, riducendo il rischio complessivo nei progetti.
  • Miglioramento del time-to-market: L’approccio Agile permette di sviluppare e rilasciare prodotti più velocemente, accorciando il tempo necessario per portare un prodotto sul mercato.

Adottare un metodo Agile richiede però un forte cambiamento a livello operativo.

Molte realtà convinte di adottarlo sono invece ancora legate a metodi tradizionali, prendendo spunto dalla metodologia Agile solo per alcune procedure, risultando quindi ben lontane dall’abbracciare completamente questa filosofia.

Il 2024 vedrà un significativo aumento dell’integrazione tra hardware e software, con prodotti smart e connessi che diventeranno la norma.

Questa tendenza non solo trasformerà l’esperienza utente, ma avrà anche un impatto profondo sul modo in cui le aziende gestiscono lo sviluppo e la manutenzione dei loro prodotti.

La crescente complessità dei prodotti connessi richiederà una gestione più rigorosa del ciclo di vita delle applicazioni.

Questo processo comprende tutte le fasi, dalla progettazione iniziale e sviluppo, fino alla distribuzione, manutenzione e aggiornamenti continui.

La sinergia tra i team di sviluppo software e hardware diventerà cruciale per garantire che questi prodotti funzionino senza problemi, rispondendo rapidamente alle esigenze del mercato e agli eventuali problemi tecnici che si presenteranno.

Inoltre, l’integrazione stretta tra hardware e software aumenterà la pressione sui team di sviluppo per collaborare più strettamente e in modo più efficiente.

Sarà fondamentale adottare metodologie di sviluppo Agile e altre best practice che favoriscano la comunicazione e la collaborazione tra i diversi dipartimenti.

Solo così sarà possibile garantire che i prodotti finali siano di alta qualità, sicuri e pronti per il mercato in tempi competitivi.

In sintesi, mentre l’integrazione tra hardware e software offre enormi opportunità per innovazione e miglioramento della user experience, impone anche nuove sfide nella gestione del ciclo di vita delle applicazioni.

Le aziende dovranno adattarsi rapidamente a questi cambiamenti per rimanere competitive e sfruttare appieno le potenzialità di questa evoluzione tecnologica.

 

La diffusione dell’intelligenza artificiale e le sue complicazioni

L’IA ha avuto un anno straordinario nel 2023 e il 2024 si sta dimostrando ancora più dirompente.

Tuttavia, non tutte le notizie stanno risultando positive. I ricercatori di etica dell’IA stanno già segnalando problemi relativi ai diritti d’autore e alla manipolazione non autorizzata di opere creative.

Inoltre, man mano che aumenta il numero di utenti che usano strumenti di IA generativa, sono emersi pregiudizi e incoerenze. Strumenti come ChatGPT o Gemini non capiscono la differenza tra verità e finzione, né possiedono una moralità innata.

Per questo motivo, gli utenti che cercano informazioni su determinati argomenti molto spesso ricevono informazioni false o obsolete e, se cercano risultati su determinati lavori o tipi di personalità, ricevono spesso stereotipi.

Nonostante queste sfide, i benefici dell’IA continueranno a favorire la sua adozione.

Le aziende stanno già sfruttando l’IA per migliorare la creazione di prodotti, l’efficienza e alleviare il carico di lavoro di alcuni dipendenti.

Nei prossimi mesi, l’IA sarà una guida fondamentale nel migliorare i flussi di lavoro esistenti e nell’aprire nuove possibilità di business.

Il prossimo step sarà portare parte della potenza computazionale sui nostri device grazie a processori di nuova generazione, riuscendo a rafforzare la privacy dei nostri dati ed essere ancora più efficienti quando si lavora su informazioni personali che non devono essere esposte al web.

Un esempio è il nuovo chip M4 di Apple che promette il boost prestazionale necessario per portare una parte delle richieste computazionali direttamente sul proprio MAC.

Bisognerà poi attendere il WWDC 2024 di giugno per scoprire finalmente cosa Apple proporrà come sua IA, cercando di recuperare terreno sui competitor come Microsoft e Google.

 

Pratiche sostenibili: un’importanza crescente

Il 2023 ha visto un aumento degli impatti del cambiamento climatico, con tempeste, siccità e incendi devastanti.

La consapevolezza crescente ha spinto governi e azionisti ad agire, con normative più rigide per chi non affronta il proprio impatto ambientale.

Le organizzazioni che integreranno la sostenibilità nella loro trasformazione digitale vedranno un miglioramento delle prestazioni e un vantaggio competitivo significativo.

 

La forza lavoro in evoluzione

La Generazione Z è ormai una presenza consolidata nel mondo del lavoro, portando con sé nuove aspettative in termini di responsabilità sociale, flessibilità e flussi di lavoro digitali.

Questo nuovo approccio sfida i metodi tradizionali, spingendo le aziende a rivedere i loro processi per attrarre e trattenere i talenti più giovani e digitalmente orientati.

 

La trasformazione spaziale

La computazione spaziale ha guadagnato terreno negli ultimi anni, con dispositivi come Oculus Rift, Google Glass (che pare sia stato rispolverato da Google dopo un periodo di letargo forzato) e Microsoft HoloLens.

Queste tecnologie permettono interazioni più immersive con dati e contenuti, ottimizzando la manutenzione e la collaborazione a distanza. Il 2024 potrebbe vedere un’accelerazione significativa in questo settore, grazie anche a nuovi prodotti come Apple Vision Pro che, nonostante stia vivendo una leggera flessione dopo l’entusiasmo iniziale, ha dimostrato la potenza di questa tecnologia e di quello che potrebbe realmente offrire in un futuro molto vicino.

Anche in questo caso, l’IA sarà fondamentale per offrire nuovi modi di interazione spaziale tra uomo e macchina, portandoci verso scenari inimmaginabili tutti da esplorare.

 

La sicurezza informatica rimane centrale

La sicurezza informatica continua ad essere una priorità nel 2024 e lo sarà ancora di più per i prossimi anni a venire.

La connessione di ogni cosa al web e l’uso avanzato della tecnologia in settori cruciali come l’IoT, l’automotive e la sanità richiedono un livello di guardia elevatissimo verso cyber crimini sempre più sofisticati.

Fortunatamente, l’IA aiuterà a migliorare le iniziative di protezione dei dati.

La progettazione sicura sarà uno standard, portando le organizzazioni verso una maggiore resilienza informatica, capace di anticipare, resistere e adattarsi a condizioni avverse.

 

Conclusioni

Il 2024 non è unico per quanto riguarda le tendenze della trasformazione digitale, ma rappresenta un punto di svolta in molte aree chiave e il punto di partenza per tecnologie sempre più avanzate che raggiungeranno piena maturità non prima della fine del decennio.

L’IA, la sostenibilità, la forza lavoro in evoluzione e la trasformazione spaziale sono solo alcuni dei fattori che continueranno a modellare il futuro digitale.

La sinergia tra hardware e software, insieme a un approccio Agile, guiderà l’innovazione, mentre la sicurezza informatica fornirà una base solida per tutte queste evoluzioni.

Il 2024 si sta dimostrando un anno cruciale per definire come la tecnologia digitale trasformerà il mondo fisico.

Tuttavia, molti aspetti presentano anche sfide che richiederanno particolare attenzione per evitare che i lati negativi possano superare i vantaggi.

Share This